NATALE DELL’UTOPISTA 2020

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su NATALE DELL’UTOPISTA 2020

CONTA SU DI NOI, NOI CONTIAMO SU DI TE La Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia non si ferma!

CONTA SU DI NOI, NOI CONTIAMO SU DI TE
La Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia non si ferma!

Nonostante gli accorati appelli all’ottimismo, la retorica sull’eroismo degli operatori sanitari e le rassicurazioni sui preparativi in atto per fronteggiare un’eventuale seconda pandemia, sono bastati i primi freddi autunnali per far riemergere le stesse identiche problematiche dei tragici mesi del lockdown.
Ancora una volta Governi e padroni hanno dimostrato di voler sacrificare la nostra salute a favore dei profitti, incrementando la militarizzazione e l’autoritarismo, questa volta nascosti sotto la retorica del patriottismo e della responsabilità individuale. Dimenticando, però, che negli ultimi dieci anni hanno costantemente aumentato le spese per il settore militare (solo nel 2020 del 6,4% raggiungendo i 26,3miliardi annui, l’equivalente di 71milioni di euro al giorno), mentre nello stesso arco di tempo tutti i Governi del presente e del passato hanno tagliato 37miliardi alla sanità pubblica.

La Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia continua la propria iniziativa attraverso un progetto mutualistico autogestito per sostenere chi vedrà nei prossimi mesi un aggravio della sua situazione economica e sociale.

Facciamo appello a tutte le compagne e a tutti i compagni affinché si attivino, come sempre hanno fatto, per sostenere questa importante iniziativa a sostegno degli ultimi.
La Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia organizza:

–    Sostegno sociale tramite assistenza personale, commissioni e alcuni servizi sanitari
–    Distribuzione di generi alimentari, indumenti ed eventuali altri prodotti di prima necessità
–    Piccoli contributi economici ai compagni dell’Area Libertaria in difficoltà

In vista delle feste natalizie, la Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia propone anche un PACCO DONO al prezzo politico di 10€ contenente un libro, una maglietta e un’agenda. Il ricavato verrà interamente devoluto al progetto solidale.

Chiediamo, infine, un forte impegno nelle sottoscrizioni mensili per rendere praticabile una solidarietà dal basso, libertaria e di classe, al di fuori di qualunque logica istituzionale.

Il punto di raccolta, per chi volesse portare contributi di vario genere, e di distribuzione rimane il Circolo Berneri in Via Don Minzoni 1/d a Reggio Emilia, tutti i giorni dal Lunedì al Sabato dalle 17 alle 19.

Puoi sostenere la Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia attraverso il conto PAYPAL:
Cassa di Solidarietà Libertaria (Re)

O in alternativa inviando una e-mail all’indirizzo fa_re@inventati.org indicando l’importo che si vuole donare seguito dalla causale solidarietà libertaria e saremo noi a inoltrarti tramite e-mail la richiesta di donazione.

CASSA DI SOLIDARIETA’ LIBERTARIA REGGIO EMILIA
c/o Circolo Camillo Berneri Via Don Minzoni 1/d – Reggio Emilia

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su CONTA SU DI NOI, NOI CONTIAMO SU DI TE La Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia non si ferma!

UNA QUERCIA ROSSA PER GIUSEPPE PINELLI

UNA QUERCIA ROSSA PER GIUSEPPE PINELLI

A 51 anni dall’assassinio di Giuseppe Pinelli, la Federazione Anarchica Reggiana – FAI intende donare alla città un albero a lui dedicato per tramandarne la memoria anche alle generazioni future. Come è già avvenuto a Milano l’anno passato alla presenza del sindaco della città e delle figlie Silvia e Claudia e in accordo con la moglie del ferroviere Licia Rognini, vorremmo mettere a dimora una Quercia Rossa in un luogo significativo della nostra città. Nel capoluogo lombardo è stata apposta una targa che recita: “Albero dedicato a Giuseppe Pinelli, ferroviere, anarchico, partigiano, 18esima vittima di Piazza Fontana, a 50 anni dalla sua tragica morte in suo ricordo nel quartiere in cui abitò”. Il progetto intende mettere a dimora questo splendido albero all’interno dei Giardini Pubblici (Parco del Popolo).
La Federazione Anarchica Reggiana si è sempre impegnata, fin dal lontano dicembre 1969, denunciando la Strategia della tensione che causò la strage di Piazza Fontana, l’assassinio di Giuseppe Pinelli e non solo. E oggi come allora si impegna a lottare contro ogni potere, per una società basata sulla giustizia sociale ed in equilibrio con l’ambiente che ci circonda.

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su UNA QUERCIA ROSSA PER GIUSEPPE PINELLI

UMANITA’ NOVA

Ricordiamo a tutti e a tutte che Umanità Nova è in vendita in tutte le edicole del centro storico di Reggio Emilia!

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su UMANITA’ NOVA

LA BIELORUSSIA CONTRO LA DITTATURA

Nonostante le limitazioni legate al covid abbiamo pensato fosse importante mantenere alta l’attenzione su quanto continua a succedere in Bielorussia e sostenere chi, in questo momento, lotta in quel paese per migliorare la propria esistenza e cambiare in senso libertario la società che vive. Invitiamo tutti e tutte a partecipare con i propri contenuti al presidio che abbiamo indetto per sabato 24 ottobre alle ore 17.30 in corso Garibaldi a Reggio Emilia, di fronte al consolato onorario Bielorusso.
In allegato trovate il volantino che diffonderemo come Federazione Anarchica Reggiana.
Per info e adesioni fa_re@inventati.org
 
LA BIELORUSSIA CONTRO LA DITTATURA
 
Dal 9 agosto la Bielorussia sta vivendo forti e radicate proteste contro la dittatura di Lukashenko ormai al potere da 26 anni. Scioperi e manifestazioni in tutto il paese contestano la regolarità delle elezioni vinte da Lukashenko con più dell’80% di voti e ne chiedono le dimissioni e forti cambiamenti politici. Lukashenko è noto per essere l’ultimo dittatorein Europa, in grado di mantenere il potere nel paese anche grazie all’apparato poliziesco, all’esercito e ai servizi di intelligence (che si chiamano ancora KGB), all’uso della paura (numerosi i casi di arresti di persone per le strade, rapite da furgoni bianchi da civili e poliziotti incappucciati) e ad un’ampia zona grigia di consenso legato all’apparato burocratico statale ed ai clientelismi ad esso connessi. Oppositori e oppositrici arrestate o costrette all’esilio, pressioni psicologiche, controllo ed esclusione sociale hanno caratterizzato gli anni di dittatura e si sono fortemente inasprite da quando il potere è stato messo così intimamente in discussione. Le proteste hanno radici profonde, la crisi economica che il paese sta attraversando negli ultimi anni ha prodotto delle crepe nel sistema di governo che, con l’emergenza coronavirus edil collasso idrico della capitale, sono diventate vere e proprie fratture tra la società e il potere politico, portando allo scoperto l’insofferenza di gran parte della popolazione verso un potere personale che dura ormai da più di un quarto di secolo. Le forze di sicurezza del governo hanno risposto con violenza alle manifestazioni ed agli scioperi: morti, migliaia di arresti e centinaia di feriti. Gli stati dell’Unione Europea, gli USA e la Russia (che ha due basi militari strategiche in Bielorussia) si aggirano come avvoltoi spinti dai grandi interessi in gioco, ognuno in cerca di un ruolo nel futuro del paese. Le manifestazioni sono popolate da tendenze eterogenee. Come anarchici e anarchiche della Federazione Anarchica Reggiana sosteniamo lerivendicazioni e la visione sociale delle compagn@ bieloruss@, certo una minoranza nella situazione attuale, ma ben presente nelle manifestazioni e negli scioperi con posizioni fortemente avanzate.
In particolare chiediamo:
1. Dimissioni di Lukašenko, del parlamentoe di tutti i ministri.
2. Liberazione e amnistia per tutti i prigionieri politici.
3. Scioglimento della polizia speciale antisommossa e di tutte le forze di sicurezza responsabili della violenza nelle strade del paese.
4. Democrazia diretta –La popolazione deve essere il cardine dei processi decisionali importanti.
5. Reintegro di tutt@ coloro che sono stat@ cacciat@ da lavoro a causa della loro partecipazione alle proteste.
 
Riteniamo importante mantenere una forte attenzione su quanto sta succedendo in Bielorussia, invitiamo tutti e tutte a mantenersi aggiornati e continuare a sostenere le componenti sociali che lottano in una prospettiva internazionalista di liberazione sociale. Contro le ingerenze della Russia, degli USA e dell’Europa, contro la dittatura di Lukashenko, a sostegno di chi lotta in Bielorussia per una società di liber@ ed ugual@.
 
Libertà per i compagni anarchici bielorussi imprigionati!
Per rimanere aggiornati su quanto succede in Bielorussia:
pramen.io/eng
abc-belarus.org
www.umanitanova.org
Pubblicato in General | Commenti disabilitati su LA BIELORUSSIA CONTRO LA DITTATURA

ANCORA UNA VOLTA IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO

Diamo appuntamento a tutte a tutti venerdi 5 giugno alle ore 18 in Piazza Prampolini per un presidio contro il governo. L’appuntamento, organizzato dall’Area Libertaria e dalla FAI Reggiana, sarà anche una scadenza liberatoria, gioiosa creativa e cantata che vedrà la partecipazione di poeti, scrittori, artisti e cantanti. Tutti e tutte possono partecipare, anche in ordine sparso, con il dovuto distanziamento.
Vi aspettiamo venerdi in Piazza Prampolini.

ANCORA UNA VOLTA IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO.

Non è più gialloverde ma poco cambia. Questo governo continua sulla strada di quelli che lo hanno preceduto, di un colore o dell’altro, continuando a distribuire miliardi di fondi pubblici alle grandi aziende ed elemosine -quando arrivano- a tutti gli altri. In quest’epoca di pandemia continua sulla strada della repressione e del controllo esasperato, della colpevolizzazione di comportamenti ritenuti “antisociali”. Per rendere il controllo sociale ancora più capillare vuole arruolare sessantamila delatori e ufficializzarne la funzione, così finalmente anche i collaboratori di questura avranno un ruolo professionale.
Allo stesso modo il governo, aiutato in questo dagli esponenti dell’economia e della finanza, nonché da tutte le forze politiche, soffia sul fuoco del nazionalismo, esaltando “l’italianità” come valore supremo che farà superare la crisi alla nazione. Ridicole pubblicità che passano a tutte le ore sui media esaltano il sentimento nazionale come forza salvi(ni)fica, e l’essere “italiani” conferisce ai prodotti caratteristiche insuperabili. Peccato che la maggiore azienda italiana, dopo aver ricevuto per decenni miliardi di fondi pubblici, abbia spostato la sede all’estero per non pagare le tasse.
La festa nazionale del 2 giugno, da sempre imbevuta di retorica patriottica e nazionalista, è stata quest’anno anche il culmine di tutto l’apparato propagandistico dell’italianità alla riscossa sul maledetto virus orientale. Non ci dimentichiamo però che il 2 giugno è da sempre legato anche alla celebrazione delle forze armate, un organismo parassitario che ingoia una quantità spaventosa di denaro pubblico, sui 70 milioni al giorno. Tutto mentre la sanità è flagellata da decenni di tagli e il personale medico e infermieristico si è trovato ad affrontare le fasi più dure dell’epidemia cercando di proteggersi coi sacchi della spazzatura.
In pieno lockdown, mentre il governo imponeva gli arresti domiciliari ai cittadini e la chiusura a tante piccole e media attività, le industrie militari sono state classificate come essenziali e non si sono mai fermate continuando a macinare profitti con le loro sporche produzioni di armi e navi da guerra, mentre il resto del Paese si impoveriva.
Questo è il patriottismo decantato dalla retorica di stato.
Non ci serve. Non serve a chi lavora, a chi studia, a chi cerca di sopravvivere. Non serve se non alle classi padronali e politiche che ci si arricchiscono, aumentando il loro potere a spese nostre.
Ci serve invece una società solidale, orizzontale, costruita sul mutuo appoggio, la condivisione e la libertà individuale e collettiva insieme. E ce la dobbiamo costruire da soli, un pezzetto alla volta, perché nessun partito, nessuno stato, nessuna repubblica farà mai niente per avvicinarci ad essa.

Federazione Anarchica Reggiana – FAI

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su ANCORA UNA VOLTA IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO

COMPAGNE E COMPAGNI RICCHI SOSTENETE COMPAGNE E COMPAGNI POVERI!

La Federazione Anarchica Reggiana – FAI apre una sottoscrizione provinciale, attraverso la Cassa di Solidarietà Libertaria, per sostenere le nostre compagne e i nostri compagni che si trovano in difficoltà.
La Fai Reggiana e tutta l’Area Libertaria si impegnano a dare vita ad un progetto dal basso ed autogestito, di grande respiro per mettere in campo una forma di resistenza mutualistica, gestita da tutti noi, in prima persona e in forma assembleare, al quale hanno aderito anche la sezione di Reggio Emilia dell’Unione Sindacale Italiana e il Circolo Arci Cucine del Popolo.
Appena sarà possibile, organizzeremo una prima assemblea provinciale per fare il punto della situazione e allargare il piano dell’iniziativa.
Da giugno inizieremo una raccolta mensile fatta di contributi liberi e volontari per sostenere questa iniziativa. Facciamo appello a tutte e tutti affinché si tenga alto il valore solidale che ha sempre contraddistinto le nostre iniziative. Crediamo che davanti a una crisi devastante che come spesso accade, pagheranno duramente gli ultimi, sia necessario fare uno sforzo straordinario verso il mutualismo libertario!

UNA PER TUTTE TUTTE PER UNA!    UNO PER TUTTI TUTTI PER UNO!

Al momento abbiamo stabilito 3 punti di raccolta:

per il Gruppo Anarchico C. Berneri: Filippo 3407693229
per il Gruppo Anarchico Spartaco: Gianandrea 3473729676
per gli Anarchici e Libertari della Bassa Reggiana: Enrico 3471316798
info e contatti fa_re@inventati.org

Di seguito i contributi versati alla Cassa di Solidarietà Libertaria:
Federazione Anarchica Reggiana- 500€
Unione Sindacale Italiana Sez. di Reggio Emilia -300€
Le Cucine del Popolo organizzeranno una propria sottoscrizione.
Puoi sostenere la Cassa di Solidarietà Libertaria di Reggio Emilia attraverso il conto PAYPAL Cassa di Solidarietà Libertaria (Re)
O in alternativa inviando una e-mail all’indirizzo fa_re@inventati.org indicando l’importo che si vuole donare seguito dalla causale solidarietà libertaria e saremo noi a inoltrarti tramite e-mail la richiesta di donazione.

Cassa di Solidarietà Libertaria

Federazione Anarchica Reggiana – FAI
Via Don Minzoni 1/d – Reggio Emilia

fa_re@inventati.org
FB: Archivio Libreria della FAI Reggiana
Pubblicato in General | Commenti disabilitati su COMPAGNE E COMPAGNI RICCHI SOSTENETE COMPAGNE E COMPAGNI POVERI!

DALLO STATO REGOLATORE ALLO STATO REGALATORE

DALLO STATO REGOLATORE ALLO STATO REGALATORE

Questa situazione che ormai si sta trascinando da due mesi porta conseguenze pesanti non solo sulle libertà personali ma, e lo sappiamo bene, anche dal punto di vista economico.
Già dopo le prime settimane la mancanza di reddito ha iniziato a farsi sentire, per chi è stato costretto ad interrompere completamente la propria attività di lavoro autonomo o dipendente, ma anche per chi ha visto il proprio reddito diminuire rispetto alla norma. Intanto le promesse di sostegno in varie forme da parte governativa sono assai deboli e tardano ad arrivare. A parte che per le imprese.
1: l’IVA regalata alle aziende
Le imprese godono infatti di enormi vantaggi, del tutto negati a lavoratori e comuni cittadini. A parte le misure a fondo perduto, le agevolazioni, la sospensione di regolamenti e procedure varie giustificate con l’emergenza, è significativa la sospensione dei versamenti IVA.
Queste sono somme di denaro che sono di competenza del pubblico erario e che l’imprenditore detiene solo in quanto sostituto d’imposta. Le aziende versano la differenza fra l’IVA incassata con le vendite e l’IVA pagata con gli acquisti.
Soldi che in questa catena vengono pagati e mai più recuperati solo dagli acquirenti finali, cioè i consumatori, che non scaricano nulla. Soldi che sono già nelle casse dell’imprenditore ma che sono destinate al pubblico erario. Ora (e chissà per quanto) non più.
Quindi, mentre gli imprenditori si accaparrano miliardi di denaro pubblico, ai lavoratori spettano misere elemosine che comunque o non arrivano o arrivano in ritardo, come la cassa integrazione che molti padroni si guardano bene dall’anticipare.
2: le ulteriori pretese dei padroni
In un’intervista a Telereggio l’industriale Stefano Landi, presidente della locale CCIAA, ha sostenuto esattamente quanto segue: “L’unica possibilità che abbiamo per cercare di salvare il maggior numero di imprese è quella di immettere della liquidità sul mercato, di dare soldi. Il problema è di avere dei soldi oggi da non restituire o da restituire in un arco di tempo molto lungo. Non c’è niente da fare, tutti i giorni, tutte le settimane, tutti i mesi queste aziende hanno dei costi fissi con un fatturato che non è diminuito, è zero.
Smontiamo con ordine queste affermazioni: “immettere liquidità sul mercato” significa che si pompano soldi sul mercato del credito. Però subito dopo Landi sostiene che quei soldi non dovrebbero essere restituiti, o restituiti in tempi lunghi. Questo non c’entra nulla col mercato. Il mercato, come sappiamo benissimo, prevede che il denaro prestato venga restituito (anche in tempi lunghi, se ci sono accordi in tal senso) e con gli interessi. Landi sta in realtà dicendo che lo stato deve regalare dei soldi alle imprese. Altri soldi alle imprese, diciamo noi. E lo stato dove prende i soldi? Dalle tasse che paghiamo tutti. Soprattutto chi non può evadere, cioè lavoratori dipendenti, piccoli autonomi, partite iva. Prendere a chi ha già poco per regalarlo alle grandi aziende è semplicemente intollerabile.
Inoltre, se alcune tipologie di imprese hanno davvero chiuso totalmente, altre non hanno mai chiuso o sono già ripartite, ben prima dell’ultimo decreto e in base a una semplice autocertificazione alla prefettura. Autocertificazioni che, a differenza di quelle dei comuni cittadini, non vengono quasi per niente controllate. Sulla Gazzetta di Reggio del 1° maggio, un funzionario sindacale dichiara che a Reggio l’80% delle aziende metalmeccaniche sta lavorando, mentre il TG Reggio afferma che durante il picco del contagio il 52% delle imprese reggiane è rimasto aperto. Il fatturato zero è un problema ben delimitato a certe categorie, che sono le uniche a poter chiedere agevolazioni, essendo chiuse per un obbligo imposto dal governo. Ma chi ha continuato a guadagnare anche durante l’emergenza non dovrebbe avere accesso a nessuna agevolazione, figuriamoci avere (altro) denaro gratis dal pubblico erario.
La posizione di Landi, naturalmente, non è isolata. Il neopresidente di confindustria Bonomi ci va ancora più pesante, scagliandosi in un’intervista al Corriere contro i contributi elargiti alle persone in difficoltà “a pioggia” dice lui. Evidentemente i soldi devono essere regalati solo alle imprese. Poi invoca la pace sociale e i sacrifici di tutti per ripartire. Quando i padroni parlano di sacrifici di tutti intendono tutti i lavoratori, non sono certo loro che fanno sacrifici. Infine per Bonomi lo stato dovrebbe fare il “regolatore”, ma si contraddice nella stessa frase, dicendo che deve stimolare gli investimenti elargendo risorse per il piano industria 4.0 poi “…si fermi lì”. Dallo stato “regolatore” allo stato “regalatore”.
E siamo sicuri che lo stato sarà ben felice di accontentare confindustria, mollando in mezzo al guado lavoratori e piccole aziende e sostenendo incondizionatamente il grande capitale. Elargendo miliardi di denaro pubblico certo, ma anche favorendo la “pace sociale” inasprendo i provvedimenti liberticidi che già sono in atto, come la sospensione del diritto di sciopero e di riunione.

Federazione Anarchica Reggiana – FAI
Via Don Minzoni 1/d – Reggio Emilia
FB: Archivio Libreria della FAI Reggiana

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su DALLO STATO REGOLATORE ALLO STATO REGALATORE

COMPAGNE E COMPAGNI RICCHI SOSTENETE COMPAGNE E COMPAGNI POVERI!

COMPAGNE E COMPAGNI RICCHI SOSTENETE COMPAGNE E
COMPAGNI POVERI!

La Federazione Anarchica Reggiana-FAI  apre una sottoscrizione provinciale, attraverso la
Cassa di Solidarietà Libertaria, per sostenere le nostre compagne e i nostri compagni che si
trovano in difficoltà.
La Cassa di Solidarietà di Reggio Emilia opera da decenni in una prospettiva mutualistica
unendo tutte le varie istanze libertarie della nostra Provincia. Siamo consapevoli di chi è la
responsabilità di quello che accade oggi: dei Governi, degli Stati e dei padroni che hanno
sacrificato la nostra salute scegliendo il profitto, incrementando la militarizzazione e
l’autoritarismo. Nella Società, tuttavia, si stanno sviluppando reti sociali, percorsi di lotta, ed esperienze di resistenza contro il “virus del potere”. In questa prospettiva si iscrive la nostra iniziativa di solidarietà concreta e consapevole, tesa a sostenere chi vedrà un aggravio della sua situazione economica e sociale.
La Fai Reggiana e tutta l’Area Libertaria si impegnano a dare vita ad un progetto dal basso ed autogestito, di grande respiro per mettere in campo una forma di resistenza mutualistica, gestita da tutti noi, in prima persona e in forma assembleare, al quale hanno aderito anche l’Unione Sindacale Italiana (sezione di Reggio Emilia) e il Circolo Arci “Cucine del Popolo”. Appena sarà possibile, organizzeremo una prima assemblea provinciale per fare il punto della situazione e allargare il piano dell’iniziativa. Proponiamo, pertanto, sin da oggi una sottoscrizione mensile dove ognuno versi indicativamente 10€ oppure un versamento una tantum secondo le proprie possibilità.
Al momento abbiamo stabilito 3 punti di raccolta:
– per il Gruppo Anarchico Berneri: Filippo 3407693229
– per il Gruppo Anarchico Spartaco: Gianandrea 3473729676
– per gli Anarchici e Libertari della Bassa Reggiana: Enrico 3471316798
info e contatti fa_re@inventati.org

Di seguito i contributi versati alla Cassa di Solidarietà Libertaria:
La Fai Reggiana apre la sottoscrizione con 500€
L’Unione Sindacale Italiana di Reggio versa 300€
Le Cucine del Popolo organizzeranno una propria sottoscrizione

Reggio Emilia 17 Aprile 2020

Cassa di Solidarietà Libertaria
Fai – Federazione Anarchica Reggiana
Via Don Minzoni 1/d- Reggio Emilia
FB: Archivio Libreria della FAI Reggiana
fa_re@inventati.org

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su COMPAGNE E COMPAGNI RICCHI SOSTENETE COMPAGNE E COMPAGNI POVERI!

COMPAGNE E COMPAGNI RICCHI SOSTENETE COMPAGNE E COMPAGNI POVERI

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su COMPAGNE E COMPAGNI RICCHI SOSTENETE COMPAGNE E COMPAGNI POVERI