25 marzo – Cena della Solidarietà

Posted in General | Leave a comment

Contro tutti gli autoritarismi

La Federazione Anarchica Reggiana – FAI in merito a i rigurgiti del fascismo locale ribadisce la necessità della costruzione, qui e ora, di processi di autogestione ed emancipazione sociale fondati su solidarietà ed eguaglianza.

Per quel che ci riguarda i residuati bellici post missini che oggi scendono in piazza con loro mortifera liturgia sono una delle tante facce delle politiche autoritarie che la stragrande maggioranza delle forze politiche istituzionali esprimono e praticano.

Storicamente il fascismo nasce come reazione alle mobilitazioni in senso rivoluzionario del biennio rosso. La sua nascita è stata sponsorizzata dagli agrari, dal clero, dalla monarchia e dalla grande industria italiana per colpire le forze che si organizzavano, per l’emancipazione sociale, dopo il grande macello della prima guerra mondiale.

La Federazione Anarchica Reggiana – FAI ritiene altresì necessario sottolineare come il fascistame sia stato sdoganato da quelle forze politiche che hanno costruito la propria immagine politica intorno alla retorica sulla Resistenza fin dal 1945: prima con le amnistie verso i gerarchi repubblichini e poi con la legittimazione del MSI. Ma non solo: lo sdoganamento si è reso ancora più sfacciato ed evidente negli ultimi decenni: basti pensare alle dichiarazioni sui “ragazzi di Salò”, all’istituzione della sedicente Giornata del Ricordo, basata sulla menzognera e fantasiosa ricostruzione degli eventi sul confine orientale alla fine del secondo conflitto mondiale. Conflitto che, ricordiamo, è stato voluto dal fascismo e dai Savoia e che ha visto il sistematico massacro della popolazione civile slovena, attuata dal Regio Esercito su direttiva della casa regnante e del governo fascista.

Il PD, insieme ad altri partiti, è stato tra i principali sdoganatori del neofascistmo ed è il comitato d’affari di chi vuole politiche antipopolari e guerrafondaie. Costoro amano amano richiamarsi alla Resistenza mentre promuovono politiche di macelleria sociale: misure di austerity, compressione dei salari, tagli a sanità e istruzione che colpiscono tutte le fasce deboli della popolazione.

Parlano di solidarietà verso i deboli ma sono coloro che hanno istituito i CPT (legge Turco-Napolitano), poi CIE, per meglio gestire la manodopera di origine straniera, parlano di pace e giustizia ma hanno promosso gli interventi militari italiani negli ultimi venti anni.

Non possono essere sicuramente questi i soggetti deputati a contrastare le culture autoritarie e razziste espresse dai neofascisti.

Un’autentica opposizione al fascismo si costruisce tutti i giorni con comportamenti e valori in sintonia con la libertà, la solidarietà e con una metodologia orizzontale, priva di deleghe e alternativa a una società basata sullo sfruttamento e sulla mercificazione del mondo.

Corteo sabato 11 gennaio ore 10 piazza Gioberti

Federazione Anarchica Reggiana – FAI /// Via Don Minzoni 1/d Reggio Emilia /// 348 540 9847 /// federazioneanarchicareggiana.noblogs.org /// fb: Archivio Libreria della FAI Reggiana

Posted in General | Leave a comment

I dimenticati che non dimentichiamo – La resistenza ebraica in Europa Orientale

Sabato 28 gennaio 2017, presso il Circolo Anarchico Berneri in via don Minzoni 1/d, alle ore  17.00 incontro sulla resistenza ebraica in Europa Orientale. Con Luigi Rigazzi, Lino Rossi, Gianmaria Valent e Lorenzo Coniglione parleremo delle poco conosciute vicende della resistenza ebraica all’occupazione e allo sterminio nazista in Europa Orientale. Tratteremo delle rivolte nei campi di Treblinka e Sobibor, della “resistenza culturale” in Polonia e Lituania che permise di salvare importanti documenti della memoria delle comunità ebraiche locali, dei meccanismi che permettono a individui e comunità di resistere e reagire a situazioni “senza speranza”, parleremo dell’insurrezione del Ghetto di Varsavia.

A seguire alle ore 20 cena di sottoscrizione della Federazione Anarchica Reggiana

Posted in General | Leave a comment

Presentazione de I signori della cenere di Tersite Rossi

Posted in General | Leave a comment

Nuovo governo? Di male in peggio

La nascita del governo Gentiloni è, a tutti gli effetti, la dimostrazione che non può essere il referendum lo strumento per opporsi alle politiche di spoliazione e depauperamento dei ceti popolari.

Il governo Gentiloni porterà avanti le stesse politiche del governo Renzi, politiche fatte di attacco alle condizioni di vita dei lavoratori. La nomina di Gentiloni fa giustizia dell’illusione che potrà essere il meccanismo della rappresentanza e della delega a fermare le attuali politiche sociali, politiche che si inseriscono nel solco di trenta anni di decisioni sulla strada dell’attacco spietato nei confronti delle precedenti conquiste sociali.

L’idea di poter invertire la rotta delle politiche sociali dello stato italiano puntando sulla caduta di Renzi si è scontrata con la realtà: il PD ha sostituito il pilota perdente con un altro che riceverà gli stessi ordini di scuderia.

In molti si sono concentrati sulla campagna di opposizione alla riforma costituzionale sostenendo la costituzione italiana come baluardo alla difesa delle classi popolari. Ma, ricordiamo, non vi fu bisogno di cambiare la costituzione per abolire la scala mobile, imporre leggi anti-sciopero, con l’attiva collaborazione dei sindacati confederali, compresi quelli che ora si lanciano nell’ennesimo referendum, quello sul Jobs Act, per approvare il pacchetto Treu o la Legge Biagi. Le politiche sociali ed economiche dei governi si sono inserite in una linea di continuità che le accomuna a quelle fatte in tutti i paesi occidentali, rispondono a meccanismi strutturali di un’economia che si basa sul profitto, sul ciclo della merce, sulla limitazione delle libertà individuali e collettive e sulla distruzione dell’ambiente.

Come abbiamo già ribadito e come insegna la storia dei movimenti sociali solamente il ricorso ad una costante mobilitazione dal basso e senza deleghe può ostacolare queste politiche. Non sarà un referendum a emanciparci.

Federazione Anarchica Reggiana – FAI

348 540 98 47 || fa_re@inventati.org || federazioneanarchicareggiana.noblogs.org || via don Minzoni 1/d Reggio Emilia

Posted in General | Leave a comment

Natale dell’Utopista 2016

malatale2

Posted in General | Leave a comment

NÉ SI NÉ NO: ASTENSIONE

Il valore reale di questa ennesima farsa elettorale è inversamente proporzionale al clamore mediatico che sta suscitando da mesi. Gli anarchici, come sempre, non votano e invitano tutti a fare altrettanto. Non siamo né per il no né per il sì: siamo per l’invece. Siamo per togliere il potere di decidere delle nostre vite dalle mani di questi politicanti, che rispondono solamente agli interessi della classe dominante, e altrimenti non può essere, e cominciare a fare da soli. Impresa difficile e lunga, lo sappiamo, ma da qualche parte si deve pur cominciare. E il primo passo è la delegittimazione del potere politico, il rifiuto di partecipare al loro gioco, con le loro regole che conducono inevitabilmente ai risultati che loro vogliono.

Innanzitutto l’attuale costituzione non è quella gran cosa, da meritare che la si difenda con le unghie e con i denti. Questa costituzione non ha mai impedito il caporalato, le leggi a salvaguardia del capitale e contro il lavoro, il dissesto ambientale, il proliferare delle mafie, l’asservimento della legge al volere della chiesa cattolica, le stragi di stato, e tutte le altre brutture e storture e aberrazioni avvenute in Italia dal 1948 ad oggi, incluse le guerre. Perché l’Italia è in uno stato costante di guerra, con truppe nei teatri bellici di mezzo mondo, dalla prima guerra del Golfo ad oggi. Più di vent’anni di guerra che se ne sono bellamente fregati dell’articolo 11, inserito fra i “principi fondamentali” della repubblica. Figuriamoci quello che fondamentale non è. I principi della costituzione svaniscono come neve al sole quando si trovano di fronte agli interessi del potere, quale che sia: politico, economico, religioso.

Votando no, nulla cambierebbe nel merito dell’azione di governo. Quando un governo vuole agire in modo più autoritario e calpestare i suoi cittadini lo può fare tranquillamente senza dover cambiare la costituzione. Lo abbiamo visto a Genova e in Val Susa, lo abbiamo visto con la moratoria sulle indagini per il malaffare legato all’Expo, alla faccia del principio di obbligatorietà dell’azione penale presente in costituzione. Lo vediamo da settanta anni con i fascistissimi Codice Rocco, la base del codice penale italiano, e TULPS, che garantisce grandissimi poteri agli organi di polizia e alle prefetture alla faccia dello stesso diritto liberale, ancora in vigore e mai intaccati dalla Repubblica Italiana e rinforzati dal corpo di leggi emergenziali degli anni ’70. Inutile dire che quelle leggi che dovevano essere transitorie ed emergenziali sono ancora in larga parte in vigore. Quindi il richiamo di gran parte della sinistra a votare no per evitare l’autoritarismo è privo di fondamento: la deriva autoritaria la viviamo da sempre.

Il punto decisivo per rifiutarsi di partecipare a questa ennesima farsa elettorale sta però nell’essenza stessa dello strumento referendario. Se anche i no vincessero e la riforma venisse respinta, chi impedirebbe al prossimo governo di ripresentarne una uguale o anche peggiore? Nessuno. E forse il prossimo governo godrebbe della “maggioranza qualificata” dei due terzi e non si dovrebbe nemmeno ricorrere al referendum confermativo. L’inutilità assoluta dello strumento referendario ci viene evidenziata dall’esempio della Grecia, dove il risultato del referendum sulle misure imposte al popolo greco dall’Unione Europea è stato ignorato dallo stesso governo che lo aveva voluto e sostenuto. La tendenza all’autoritarismo non è dovuta alla malvagità di questo o quel partito politico: è dovuta ai meccanismi insiti del dominio politico ed economico.

Quello che come lavoratori possiamo opporre al potere è innanzitutto il nostro rifiuto. Non il rifiuto di questo o quel provvedimento, ma il rifiuto di partecipare al loro gioco, a cui solo si può perdere.

Astenersi è il primo passo.

Federazione Anarchica Reggiana – FAI – 26 novembre 2016

Federazione Anarchica Reggiana – FAI || via don minzoni 1/d || 348 540 98 47 || fa_re@inventati.org || federazioneanarchicareggiana.noblogs.org

Posted in General | Leave a comment

Bicchierata astensionista

sbichweb

Posted in General | Leave a comment

Nino Nasi non è più

La FAI Reggiana esprime il proprio cordoglio per la morte di Nino Nasi e si stringe attorno ai famigliari e quanti condividono questa grande perdita per il mondo della cultura della nostra città.

Per molti decenni il nostro amico Nino è stato un punto di riferimento non solo per gli appassionati della lettura, che da lui trovarono libri curiosi e rari al di fuori della grande distribuzione, ma anche per i militanti della sinistra alternativa e libertaria del nostro territorio.

La Libreria del Teatro è stata un importante luogo di incontro e di circolazione delle nostre idee, anche in tempi in cui l’agibilità culturale dell’anarchismo e della stampa libertaria non era affatto scontata.

Da Nino si poteva trovare buona parte dell’editoria anarchica, le straordinarie documentazioni della controinformazione, la pubblicistica libertaria italiana e internazionale e tutto il materiale della contestazione al potere.

Inoltre erano presenti i titoli di tute le case editrici della controcultura, nel versante letterario, fumettistico e politico ma anche fanzine, ciclostilati, volantini e via dicendo.

La passione e la competenza di Nino per il suo lavoro era conosciuta e apprezzata dal mondo della cultura e dell’editoria di tutto il paese ed erano noti i suo rapporti con scrittori, editori, registi, poeti e giornalisti.

Con Nino se ne va un pezzo di una storia straordinaria che ha visto nella Libreria del Teatro la nascita di un importante luogo di produzione culturale, di eventi e di incontri.

Non dimenticheremo mai la sua straordinaria umanità, la sua grande disponibilità alla discussione e al confronto e il grande contributo nella formazione delle nuove generazioni.

Federazione Anarchica Reggiana – FAI

federazioneanarchicareggiana.noblogs.org || 348 540 98 46 || fa_re@inventati.org

Posted in General | Leave a comment

18-11-016 Incontro sulla “loi travail” e sulle lotte sociali in Francia

Venerdì 18 novembre presso il circolo Berneri in via don Minzoni 1/d. Ore 20 cena/buffet di autofinanziamento, ore 21.30 incotnro e dibattito con Gianni Carrozzza.loi

Posted in General | Leave a comment